Anonimo
24.07.18

Ratti Pauli - Gio Carioca = 7 - 8

RATTI PAULI
3 - Faccin Filippo
2 - Faccin Tommaso
1 - Pipitone Giuseppe
1 - Zaccheo Giacomo

GIO CARIOCA
3 - Bertotti Federico
4 - Carrossa Diego
1 - Decina Riccardo

Minuto 23 della ripresa. I Ratti Pauli, che da poco hanno trovato il pareggio, colpiscono il montante con un morbido tiro da metà campo portandosi sul 7-6. Sembra che possa essere il palo decisivo per l'assegnazione della coppa. E invece non hanno fatto i conti con tal Bertotti, fino ad oggi poco conosciuto nell'ambiente palistico. Il numero 20 dei Gio Carioca infatti prima scheggia la tavolozza riportando tutto in equilibrio, e pochi secondi dopo colpisce il palo con un tiro di violenza inaudita facendo mettere il naso avanti alla propria squadra. I "roditori" sono in ginocchio, nel minuto (più recupero) rimanente provano a tornare in gara, ma i loro tentativi sono poco lucidi e frutto della disperazione, le loro conclusioni sfiorano il palo senza toccarlo e così il triplice fischio sancisce l'apoteosi dei "brasiliani", nuovi campioni del TdP. Ma andiamo con ordine.
Dopo due rinvii per pioggia, al terzo tentativo finalmente si gioca. I Ratti Pauli si presentano alla loro seconda finale consecutiva quasi al completo, mentre i Gio Carioca devono fare i conti con qualche assenza, tra cui quella pesantissima del trascinatore Mbida. Pronti via e c'è subito un giallo: al primo minuto il risultato si sblocca con un palo fantasma dei giallo-fluo che vede solo il guardalinee, con le squadre e l'arbitro che si stavano preparando a riprendere il gioco con una rimessa dal fondo. La situazione è surreale, i Ratti non protestano, i Gio Carioca non esultano e il pubblico non capisce cosa stia succedendo, fatto sta che Rasi indica il centro del campo e siamo già 1-0. Un giro di lancette e i Gio Carioca colpiscono di nuovo con un bel colpo di testa su azione di rimessa. I "roditori", colpiti a freddo, si mettono in moto, ma si vede chiaramente che non sono tranquilli, e così sono più le occasioni per il 3-0 Carioca che per l'1-2. I Ratti pigiano sull'acceleratore e trovano con Faccin JR il palo che dimezza lo svantaggio, provano a riportarsi in carreggiata ma sono di nuovo i Gio Carioca a passare, con Carrossa che comincia il suo show personale dalla sua mattonella preferita, nella zona sinistra d'attacco. I granata allora rivoluzionano la formazione affidandosi a una fromazione più muscolare e meno tecnica, il gioco non è esattamente il migliore mai espresso sulla piastra del palo, ma il risultato è efficace: 3-3 e tutto da rifare. Sembra che si possa andare al riposo in parità, ma sono di nuovo i Gio Carioca a portarsi avanti, approfittando di una dormita difensiva dei "roditori". Il primo tempo si conclude sul 4-3 Carioca senza che ci sia nulla da eccepire.
Dopo le consuete premiazioni riservate al Torneo Femminile si torna a giocare, e i Ratti sembrano avere decisamente un altro piglio. Prima fanno le prove generali e poi si portano in vantaggio per la prima volta trascinati dai fratelli Faccin. Il match sembra essere in loro controllo, con i Gio Carioca visibilmente spompati, complice un infortunio che li costringe a giocare con una rotazione di soli 5 effettivi. I "roditori" hanno però la colpa di non azzannare l'incontro nel loro momento migliore, così quasi dal nulla, i "brasiliani" rientrano in partita grazie a due conclusioni - ovviamente dalla zona sinistra d'attacco - del capocannoniere Carrossa, che lasciato libero non si fa pregare e ribalta la contesa in pochi minuti. Il pubblico si infiamma e la tensione è palpabilie, i Ratti non demordono e trovano nuovamente il pareggio a 5 minuti dal termine.
Quello che succede dopo è storia nota: i Gio Carioca ribaltano il nuovo svantaggio e si laureano campioni della venticinquesima edizione del TdP per la gioia della maggioranza del pubblico presente. Un risultato impreventivabile quanto meritato, ma con certi giocatori in rosa forse gli stessi "brasiliani" erano consapevoli che avevano tutto il diritto di sognare. Per i Ratti Pauli una beffa che fa malissimo, dopo la delusione dello scorso anno si erano pazientemente costruiti una seconda occasione, ma ancora una volta sono stati schiacciati - forse - dalla pressione di dover vincere; ci riproveranno l'anno prossimo, augurandosi che non valga il detto "non c'è due senza tre."

Ancora nessun commento ...

Tabellini con formazioni, marcatori e un breve commento per ogni partita del torneo

Cerca

Luglio 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
powered by b2evolution free blog software