A.D.G. OLDEWIK
1 - Alfieri Walter
1 - Cassanta Marco
2 - Martin Mattia
2 - Musumeci Luca

LE STENGHE 93.0
1 - Gelain Matteo
3 - Ocello Jaime
1 - Pengo Enrico
1 - Ruzza Edoardo
1 - Vignato Alberto

Spettacolo in campo tra A.d.G. Oldewik e Le Stenghe 93.0, due squadre che si candidano a protagoniste di questa edizione del torneo. Difficile tenere la successione dei pali, entrambe le compagini danno il 100% e lo spettacolo è la naturale conseguenza. Alla fine la spuntano le Stenghe, che superano a fatica lo ostacolo sulla carta più insidioso del girone, i vicecampioni invece partono con un mezzo passo falso, ma le loro chanches di andare avanti rimangono assolutamente intatte.

BOIA L'ORSO
1 - Comelli Alessandro
1 - Comelli Antonio
1 - Moretti Daniele
2 - Sannito Sebastiano

CHIU' PALO PER TUTTI
1 - Bettella Mattia
3 - Schiavon Stefano

Partiamo dalla fine. I Boia l'Orso avanti di 1 commettono uno sciocco e inutile fallo di mano in attacco regalando a degli spenti Chiu Palo per Tutti il tiro franco del pareggio proprio sul fischio finale. Nel supplementare poi i plantigradi segnano subito portandosi a casa i due punti, ma recriminando per una vittoria piena (che sarebbe potuta bastare per la qualificazione) letteralmente gettata al vento. I Chiu Palo invece trovano un punto insperato, ma sembrano lontani parenti della bella squadra che aveva incantato tutti lo scorso anno.

Anonimo
04.07.16

Toffees - Derrick = 3 - 4

TOFFEES
1 - Munari Nicola
1 - Ruzza Alessandro
1 - Toto Giovanni

DERRICK
1 - Bonato Antonio
1 - Di Vittorio Alberto
2 - Varotto Marco

I giovani Toffees si presentano in campo dopo il roboante successo sui Ma che Ritmo, mentre i Derrick sono al debutto stagionale desiderosi di riscattare un brutto TdP 2015. Ad andare in vantaggio per primi sono gli arancioblu che vengono raggiunti su rigore. Nel secondo tempo sono ancora i Toffees a portarsi avanti ma dopo diversi tentativi a vuoto i trivellatori segnano tre volte mettendo il risultato in ghiaccio prima del palo dei Toffees del definitivo 3-4. Buona vittoria per il Derrick, mentre niente è compromesso per i Toffees, che hanno ancora molto da dire in questo torneo.

FENICOTTERI ROSA
1 - Bagagiolo Jacopo

LEMME LEMME P.
1 - Anselmi Michele
1 - Berti Stefano
2 - Rozzarin Pierclaudio

La partita tra Lemme Lemme e Fenicotteri Rosa sembrerebbe già decisa ancor prima del fischio d'inizio, invece succede quello che non ti aspetti, i Trampolieri vanno subito in vantaggio mettendo in difficoltà i tricampeao, che trovano il pari prima dell'intervallo. Nella ripresa però le gerarchie si ristabiliscono, e i generosi Fenicotteri si trovano a soccombere ai più quotati avversari, che si lanciano verso la vetta del girone, mentre le maglie rosa perdono la partita ma non il sorriso, nei prossimi due match potranno sicuramente dire la loro.

BEGGIO PIZZA
1 - Bellon Alberto
1 - Cavestro Marco
1 - Cucuglielli Davide

SVINCOLATI
1 - Casella Aristotele

I Beggio Pizza si ritrovano sul campo da palo a un anno da quella maledetta semifinale che li estromise in maniera rocambolesca. A sfidarli ci sono gli Svincolati, molto apprezzati per il gioco frizzante ma sempre poco concreti nei risultati. Il match che ne esce è molto tirato e sempre sul filo dell'equilibrio, a risolverlo sono tre lampi di classe nei minuti finali dei pizzaioli, che con qualche difficoltà di troppo si proiettano in testa al girone. Un po' di amaro in bocca per gli Svincolati, che speravano in un finale migliore, ma hanno tutte le carte in regola per riscattarsi già dalla prossima partita.

GIO CARIOCA
1 - Carrossa Diego
2 - Mbida Jean
1 - Peruzzo Gianluca

MITAD DEL MUNDO
1 - Macchia Mirco
1 - Turato Mattia
1 - Varotto Davide
1 - Vezù Francesco

Dopo la sconfitta ai supplementari nella gara d'esordio i Gio Carioca si ritrovano con le spalle al muro, mentre c'è curiosità intorno ai poco conosciuti Mitad del Mundo. In campo le squadre si danno battaglia e ne esce una partita equilibrata e piacevole, che i giovani ragazzi di Crocefisso sembrano portare a casa, ma quando l'arbitro porta il fischietto alla bocca Mbida pareggia portando la gara ad un altro overtime. Nei 5 minuti supplementari il risultato non si sblocca e le squadre si dividono la posta in palio: ma se per i Mitad del Mundo si tratta di un buon punto, per i Gio Carioca la qualificazione si fa molto molto dura.

ATLETICO TRUJILLO
1 - Capovilla Michele
1 - Conte Federico
1 - Fiorentin Enrico
1 - Gusso Daniele
1 - Pasqui Gianluca

SUBO FOXER
1 - Marinaro Carlo
2 - Mazzucato Riccardo
1 - Trivellato Marco
2 - Zulian Giovanni

C'era attesa per l'esordio dei Subo Foxes chiamati a riscattare l'eliminazione dello scorso anno. A "battezzarli" gli Atletico Trujillo, reduci dalla sofferta ma meritata vittoria al golden post nella gara inaugurale. Chi si aspettava che la squadra di Fiorentin facesse da sparring partner rimane deluso, i grigi sono in forma e infatti il 4-4 con cui si va al riposo la dice tutte su come le "volpi" debbano giocare al massimo. Al ritorno in campo sono proprio i gialloneri a spingere sull'accelleratore portandosi sul +2, sembre il preludio alla paleada ma invece gli Atletico Trujillo non si scompongono e provano a riaprire la gara. La precisione però non c'è e il palo del 5-6 arriva troppo tardi. I Subo partono col piede giusto, mentre i Trujillo escono sconfitti ma niente affatto ridimensionati.

ATLETICO PERNIENTE
1 - Cappotto Roberto
2 - Zin Marcello

SNIPERS
2 - Carelli Sascha
1 - Favalli Alberto
1 - Fungenzi Matteo

Alle 21 è in programma una gara del girone degli "extra-comunitari", lo si capisce perchè a bordo-campo ci sono tante facce nuove. In campo invece si vede una partita bella ed equilibrata, dove a dire il vero le marcature non arrivano copiose, ma l'agonismo è altissimo. Alla fine la spuntano gli Snipers che sfruttano una miglior partenza e si mettono in una buona posizione per il passaggio del turno. Gli Atletico Perniente invece dovranno affrontare già la prossima partita come un'ultima spiaggia, non vincere significherebbe salutare in anticipo il torneo.

WERE THE “SCAINARI”
2 - Calore Massimo
1 - Calore Omar
1 - Dainese Enrico
2 - Rizzo Davide
3 - Zaka Ervis

MOKKA'S
3 - Bortolami Francesco
3 - Faggin Roberto
1 - Furlan Enrico

E sono due! Gli Were Scainare colgono il secondo successo in altrettante partite e si avvicinano alla qualificazione. Rispetto alla prima partita però, i "gradini" trovano qualche difficoltà in più, i Mokka's sono una squadra molto fisica e dotata di una buona tecnica. Lo spettacolo in campo è quindi apprezzabile e il pubblico a bordo campo sembra gradire. Alla fine a spuntarla è proprio la squadra dei tre Calore che può aspettare con fiducia lo scontro decisivo contro i Rolecs, per le caffettiere un po' di rammarico per il risultato mancato e l'amara consapevolezza di non essere più padroni del proprio destino.

MA CHE RITMO
1 - Bettio Davide
1 - Corsale Enrico
1 - Kreko Egi
1 - Valese Antonio
1 - Zuin Alessio

TOFFEES
3 - Cattelan Andrea
2 - Ruzza Alessandro
2 - Toto Giovanni
2 - Tridello Tommaso

Old School e New Generation è la prima sfida del girone D, da una parte i campioni e l'esperienza dei Ma Che Ritmo dall'altra la freschezza atletica e la fame dei Toffees. Una partita metafora dello scontro tra due generazioni (forse le ultime) che son nate e cresciute giocando a palo fin dai primi calci.
Il match inizia ed è subito chiaro agli occhi del pubblico quale sarà il canovaccio della partita, i Ma Che Ritmo, grazie alla loro esperienza e tecnica individuale, provano a costruire gioco ed affidarsi per la conclusione ai loro giocatori di maggior esperienza,i ragazzi di De Angelis, d’altro canto, ripartono con velocità e sfruttano la loro precisione dalla lunga distanza e il loro atletismo per ripartire subito in contropiede.
La spuntano i Toffees che con una prova di grande sostanza e precisione hanno la meglio sui Ma Che Ritmo che forse non si aspettavano un avversario così temibile. La squadra di capitan Corsale, ancora a zero punti, è chiamata al riscatto già nel prossimo turno per poter ambire al passaggio del turno, i Toffees invece dovranno dimostrare contro le prossime avversarie la loro maturità palistica con la consapevolezza di non essere più la Cenerentola del torneo ma una delle squadre più in forma viste fino adesso, sapranno arrivare fino in fondo?

ATLETICO TRUJILLO
1 - Bortolami Fabio
1 - Capovilla Michele
1 - Conte Federico
2 - Fiorentin Alberto
2 - Fiorentin Enrico

GIO CARIOCA
2 - Mbida Jean
1 - Norbiato Luca
1 - Parinotti Pietro
2 - Peruzzo Gianluca

Eccoci collegati per raccontare la partita inaugurale del girone C che vede contrapposti Atletico T. e Gio Carioca, la squadra capitanata da E.Fiorentin è in cerca di riscatto dopo un torneo 2015 chiuso con solo un punto all'attivo mentre i secondi provano a migliore la loro scalata dopo aver visto l’anno scorso i propri sogni infrangersi agli spareggi.
Pronti via e subito alla prima occasione utile gli Atletico passano in vantaggio, i Carioca non si fanno intimorire e iniziano a creare occasioni su occasioni per riportare il match in parità guidati da un sofferente Mbida (il giorno prima si era tolto il dente del giudizio ndr). La sorte e la precisione non sembra sorridere ai ragazzi in maglia bianca che subiscono anche il secondo palo frutto di una bella giocata dei fratelli Fiorentin.
Sotto di 2 pali i Carioca non si danno per vinti e in 2 minuti pareggiano la partita grazie a Paronitti e Norbiato. Con il risultato fermo sul pari saltano gli schemi e entrambe le squadre si affacciano con veemenza nel campo avversario lasciando sguarnita la fase difensiva e facendo divertire il pubblico con continui contropiedi da una parte all’altra del campo.
Nella foga generale a smuovere il match sono i tiri franchi (nuova e fresca regola tdp’16) che a poco dalla fine regala un vantaggio di +2 alla squadra di Trujillo; quando ormai la vittoria sembra incanalata sui binari blu ecco che Peruzzo piazza due tiri dalla lunga distanza e porta la sua squadra ai tempi supplementari.
L’overtime premia i ragazzi dell’Atletico che vanno a casa con 2 punti (già superato il loro rendimento 2015) e dimostrano di essere squadra più forte e coesa dell’anno scorso. I Carioca dal canto loro escono con un preziosissimo punto che li permette di guardar con maggior fiducia alle restanti partite del torneo.

CHIU' PALO PER TUTTI
1 - Baldina Gianluca
1 - Bettella Marco
3 - Ponchia Matteo

LEMME LEMME P.
2 - Anselmi Michele
1 - Francescato Giuseppe
1 - Rozzarin Pierclaudio
2 - Tombola Filippo
1 - Autopalo

Alla vigilia diverse voci e indiscrezioni davano i campioni in carica in difficoltà a causa di acciacchi e infortuni, invece il campo ha detto che i "pellegrini" possono ancora dire la loro, eccome. La partita con i Chiu palo per tutti è tesa ed equilibrata, ma il vantaggio che la squadra di Corvetti accumula all'inizio risulta subito decisivo. Gli arancioni fanno il loro gioco e non demordono, ma ogni volta che si riavvicinano vengono respinti a debita distanza dai più precisi campioni in carica. Il 7 a 5 finale mette in discesa la strada dei Lemme Lemme, che ora si toveranno ad affrontare due partite sulla carta più agevoli, per lo stesso motivo i Chiu Palo possono guardare con fiducia al prosieguo del torneo.

MAALOX ROCK
1 - Bettini Gabriele
1 - Bressan Daniele
3 - Paluello Nicola

WERE THE “SCAINARI”
1 - Calore Massimo
1 - Calore Omar
1 - Dainese Enrico
1 - Galeazzo Andrea
1 - Rizzo Davide
2 - Savio William
1 - Volpi Cristian
2 - Zaka Ervis

Mamma mia che Scainari! La rinnovata squadra di capitan Calore debutta con il botto nel Torneo di Palo 2016 mostrando a tutti che le loro intenzioni sono serie. Ai Maalox Rock non bastano i pali e la classe di Paluello che prova fino all'ultimo a trascinare i più stagionati compagni. L'esperienza palistica di alcuni elementi dei Were the "Scainari"decidono la partita lasciando intendere che il girone A sarà più equilibrato del previsto.

A.D.G. Oldewik	-	Lemme Lemme P.	=	3 - 4

A.D.G. Oldewik
1 - Esposito Alberto
1 - Martin Mattia
1 - Musumeci Luca

Lemme Lemme P.
1 - Berti Edoardo
2 - Cappa Davide
1 - Tombola Filippo

Lemme Lemme P. e A.d.G Oldewik scendono in campo per l'ultimo atto del torneo: i "pellegrini" sono alla ricerca del tris mentre gli Oldewik provano a completare l'opera dopo aver sbattuto fuori squadre più blasonate contro ogni pronostico. Lo spettacolo comincia sugli spalti ancor prima che sul campo: la rumorosa curva nord degli ultras Oldewik - contrapposta alla più silenziosa e composta curva Lemme Lemme - dà vita a una colorata e spettacolare coreografia di fumogeni per spingere i propri beniamini verso l'impresa.
Al fischio d'inizio i bicambpioni partono un po' contratti, gli A.d.G al contrario sembrano più in palla e giocano senza alcun timore reverenziale cercando la via del palo con più insistenza, la marcatura di capitan Musumeci è una logica conseguenza, e così dopo pochi minuti i bianco-blu si trovano in vantaggio nella sorpresa generale. I Lemme Lemme sembrano un po' storditi, ma piano piano riprendono possesso del campo, peccando però di concretezza, ci vuole allora un grande colpo da biliardo di Cappa per riportare la situazione in parità. Parità che dura poco però, perché gli Oldewik non mollano un centimetro, giocano con grande intensità e si riportano avanti con Esposito che da pochi passi corregge sul palo un tiro impreciso proveniente dalla sinistra. I "pellegrini" sembrano un po' sorpresi e non riescono a ricamare il loro solito gioco rapido e imprevedibile, al duplice fischio il risultato è di 2-1 per gli Oldewik e il pubblico sugli spalti comincia a pensare che la sorpresa non sia poi così impossibile. Al ritorno in campo però i Lemme Lemme P sembrano trasformati, come se avessero bevuto la "pozione segreta" preparata da Bugs Bunny. Così nel giro di tre minuti ribaltano completamente il risultato, prima Tombola e poi l'eterno Edo Berti trovano la marcatura con due chirurgiche conclusioni da metà campo. Gli Oldewik colpiti a freddo cominciano ad innervosirsi tanto che l'arbitro Rasi comincia a tirar fuori cartellini, espellendo il capitano degli A.d.G. e scatenando la reazione della tifoseria, che in gran risposta continua ad incitare la squadra. La partita diventa nervosa - ma mai cattiva - e ad approfittarne sono i campioni in carica che con un conclusione da fuori di Cappa su calcio piazzato incrementano il loro vantaggio. Gli Oldewik non mollano di un centimetro e provano in ogni modo a riaprire la contesa, affidandosi per lo più a lanci lunghi e soluzioni individuali. A 5 minuti dal termine Martin riaccende le speranze con un tocco morbido da fuori campo, rendendo entusiasmante il finale. Il pubblico si infiamma ma gli A.d.G sembrano aver perso lucidità e non riescono a rendersi troppo pericolosi. I Lemme Lemme però temono la beffa e il fatto che preferiscano barricarsi sulla bandierina del calcio d'angolo piuttosto che cercare il palo che chiuderebbe la partita la dice lunga. Il triplice fischio per loro è liberatorio: terzo titolo consecutivo e meritato, ottenuto al termine di una partita in cui non hanno espresso il loro miglior palo, ma hanno dimostrato di saper soffrire e uscire dalle situazioni più difficili. Applausi anche per gli sconfitti Oldewik, nessuno si aspettava che potessero giocarsela, e invece c'è mancato tanto così perché potessero strappare la coppa ai fortissimi avversari. Applausi infine anche per gli ultras della curva nord per aver contribuito allo spettacolo di una finale memorabile.

Ma Che Ritmo	-	Lemme Lemme P.	=	1 - 6

Ma Che Ritmo
1 - Pagliani Fabio

Lemme Lemme P.
1 - Anselmi Antonio
1 - Corvetti Francesco
3 - Rozzarin Pierclaudio
1 - Tombola Filippo

Implacabili Lemme Lemme. I bicampioni in carica si sbarazzano senza troppe difficoltà dei temibili Ma che Ritmo approdando alla loro quarta finale consecutiva. Eppure un po' di spavento all'inizio lo prendono, quando praticamente alla prima occasione i "musicali" si portano avanti con una bella conclusione centrale. Bastano dieci minuti di assestamento però per rimettere le cose a posto. Con tre calci da fermo infatti i "pellegrini" ribaltano il risultato e si portano all'intervallo sul 3-1. I volenterosi Ma che Ritmo ci provano, ma sono a corto di idee e troppo disordinati, così all'inizio del secondo tempo il palo del 4-1, l'unico su azione, chiude di fatto la contesa. Per i restanti 20 minuti la partita scorre via tranquilla con i McR che si affannano a riaprirla e i Lemme Lemme che fanno girare tutti i loro effettivi. Nel finale c'è spazio per altri due pali da rimessa laterale che sigillano definitivamente il match sul 6-1 grazie al quale la squadra di MP si guadagna il sacrosanto diritto a tornare sulle piastra venerdì sera.

A.D.G. Oldewik	-	Palo Ralph Lauren	=	3 - 2 dts

A.D.G. Oldewik
2 - Chesi Davide
1 - Paolucci Nicolo

Palo Ralph Lauren
2 - Mion Luca

Le sorprese non finiscono mai. Gli A.d.G Oldewik superano anche lo scoglio Palo Ralph Lauren e accedono ad una finale che neanche il più ottimista di loro avrebbe pronosticato. I Palo Ralph Lauren - decimati da infortuni, squalifiche e altri impegni - si presentano sulla piastra in quattro effettivi; ciononostante fanno valere il maggior tasso tecnico portandosi sul 2-0. Nessun problema per gli Oldewik che pazientemente fanno il loro gioco riuscendo a recuperare il doppio svantaggio a un minuto dall'intervallo. Nella ripresa i ritmi si abbassano, le squadra si affidano per lo più a conclusioni estemporanee ma per entrambe l'imperativo è non prenderle. I "colletti" avrebbero l'occasione di portare a casa la partita a pochi secondi dal termine ma incredibilmente la sprecano a pochi metri dal palo. L'overtime - il secondo consecutivo per gli Oldewik - è così inevitabile. Ma praticamente non c'è neanche bisogno di giocarlo. L'uomo con più esperienza dei PRL ferma inspiegabilmente con la mano un pallone che colpisce il palo da calcio di rinvio avversario, l'arbitro non può esimersi dal fischiare il rigore e gli Oldewik ne approfittano. Per loro è finalissima, per i Palo Ralph Lauren invece un'inaspettata beffa.

Lemme Lemme P.	-	Ara Che Robi	=	11 - 1

Lemme Lemme P.
2 - Anselmi Antonio
2 - Anselmi Michele
2 - Berti Stefano
2 - Corvetti Claudio
1 - Rozzarin Pierclaudio
2 - Tombola Filippo

Ara Che Robi
1 - Di Francesco Andrea

Poco più di un allenamento per i Lemme Lemme, che in uno dei quarti di finale più a senso unico della storia, umiliano gli Ara che Robi riprendendosi prepotentemente i gradi di favoriti. Poco da dire sulla gara, fin da subito si capisce che i "pellegrini" non hanno voglia di perdere tempo e all'intervallo si trovano sopra 4-0. Nella ripresa fanno addirittura meglio, segnandone sei e soprattutto trovando solo pali di altissima fattura. Gli Ara che Robi sono in bambola e si consolano solo nel finale con il palo della bandiera, utile solo a fini statistici. Lemme Lemme quindi alla loro ennesima semifinale consecutiva, dove troveranno un avversario, sulla carta, ben più ostico.

1 ... 4 5 6 7 9 11 12 13 14 ... 37

Tabellini con formazioni, marcatori e un breve commento per ogni partita del torneo

Cerca

Aprile 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
powered by b2evolution