LEMME LEMME P.
2 - Anselmi Antonio
2 - Anselmi Michele
2 - Corvetti Claudio
2 - Francescato Giuseppe
2 - Mion Luca

MEZZE PINTE
1 - Chiarentin Alessio

Gran poco da raccontare in questa partita che vede contrapposti i Lemme Lemme P., già certi del primo posto, e le Mezze Pinte, che anche con una sconfitta senza cartellini passerebbero come una delle migliori terze. L'esito finale si può già intuire quando le "birre" si presentano in campo con soli cinque effettivi, a differenza degli avversari che possono contare quasi interamente su tutta la rosa. Dopo un primo tempo parco di emozioni, chiuso sul 3-0 in favore dei "pellegrini" che si sono accontentati di gestire palla senza spingere sull'acceleratore, la ripresa cambia completamente volto: spinti dal numeroso pubblico presente, i Lemme Lemme scatenano un'offensiva in grande stile contro i malcapitati avversari, ormai a corto di energie e vittime di un vistoso calo fisico; sette i pali colpiti dai "flemmatici", alcuni di pregevolissima fattura, e alla fine c'è anche tempo per il palo della bandiera delle Mezze Pinte, che fissa il risultato sul 10-1. Lemme Lemme che sembrano essere tornati ai fasti di un tempo, ma solo la sfida contro un avversario più probante potrà confermarlo; Mezze Pinte che giocano con orgoglio e senza mai tirarsi indietro, e andranno a giocarsi le loro carte agli spareggi accedendo come miglior terza.

ASTON BIRRA
1 - Clara Alexander
1 - Conte Gregorio

TITOHUNGA
2 - Andreon Alessandro
1 - Bellucco Carlo
2 - Volpato Nicolò
3 - Volpato Riccardo

Pronostico rispettato nella partita tra i poli opposti Titohunga, leaders del girone, e Aston Birra, stanziati invece sul fondo della classifica a quota 0 punti. Faticano più del previsto gli "stregoni" nel primo tempo, contro un avversario che gioca senza alcuna pressione, e nonostante il predominio nel possesso palla chiudono la frazione con un vantaggio di una sola lunghezza: 3-2. Ripresa decisamente più convincente, i Titohunga dominano in ogni zona del campo, alternano un pressing asfissiante in fase di non possesso che li porta a recuperare molti palloni a una fitta trama di passaggi in fase di possesso atta a confondere gli avversari: cinque i pali a loro favore nel secondo tempo, e partita che termina sul 8-2. Titohunga dunque ancora sugli scudi, anche se con qualche affanno di troppo: alcuni elementi dovranno ritrovare la mira migliore; gli Aston Birra salutano il torneo senza registrare nemmeno una vittoria ma con la consapevolezza di poter solo migliorare.

MERCI IVA DEBITO
1 - Nalon Mattia
1 - Trevisan Riccardo

A.D.G. OLDEWICK
1 - Assenzio Cosimo
3 - Meggio Roberto
4 - Perrone Alessandro

PATATINAIKOS
2 - Bettio Davide
3 - Vedovato Giovanni

SNIPERS
2 - Pavanello Diego
2 - Sardella Guglielmo

COLPITI DA MCKINLEY
1 - Cesaro Dario

SVINCOLATI
1 - Armenia Alexandry
1 - Ceroni Leonardo
1 - Curci Andrea
2 - Lana Alessandro
1 - Lana Andrea
1 - Volpato Lucio

TOFFEES
2 - Cattelan Andrea
3 - Ruzza Alessandro
1 - Sorano Matteo

NEW YORK UNI VERSI TY
2 - Conte Federico
1 - Gusso Daniele
1 - Pengo Enrico
4 - Venza Alberto

Grande spettacolo nell'ultimo appuntamento del venerdì, dove i NYUVT riescono a prevalere sui più quotati Toffees al termine di un match ricco di pali e azioni offensive. Nel primo tempo le due squadre duellano ad armi pari per tutta la frazione, e all'intervallo il tabellino conta già 8 pali totali (4-4). La seconda frazione risulta se possibile ancora più emozionante della prima, dopo continui botta e risposta sono gli "universitari" che nel finale trovano i due pali che sbloccano e mettono al sicuro il risultato sul 8-6. Con questa vittoria i NYUVT si guadagnano il primo posto nel girone in virtù dei cartellini, e sono pronti ad andare avanti con spensieratezza; sconfitta dolce per i Toffees, anche loro sicuri del passaggio al turno successivo, dove ritroveranno un paio di elementi importanti la cui assenza questa sera si è sicuramente fatta sentire.

BAFANA BAFANA
4 - Rizzo Davide

GIO CARIOCA
1 - Carrossa Diego
1 - Decina Riccardo
3 - Mbida Jean

Colpo di scena in una delle partite forse più belle e intense dell'intero torneo: i Gio Carioca battono i Bafana Bafana e centrano una qualificazione storica, condannando gli avversari a una clamorosa eliminazione. Dopo essere passati in vantaggio nei primissimi minuti, i "sudafricani" accusano un grande calo di concentrazione e si fanno recuperare. Sorprendentemente arriva anche il 2-1 dei Gio Carioca su calcio di rigore, gli avversari sono in bambola e rischiano il tracollo già prima dell'intervallo; sul finire della prima frazione però i gialloverdi si riscuotono e mettono sotto assedio l'area degli avversari, che reggono in qualche modo l'urto venendo salvati dal fischio che decreta la fine del primo tempo. Ripresa dove succede l'inimmaginabile, dopo il momentaneo pari sempre su rigore dei Bafana Bafana, i Gio Carioca trascinati dall'entusiasmo che solo la consapevolezza di essere la cenerentola del girone ti può dare, passano al comando del match portandosi sul 5-3 a pochi minuti dal termine. I "sudafricani" vedono i loro peggiori incubi materializzarsi, ma lottano fino all'ultimo secondo trovando il palo del 5-4 che non fa altro che aumentare il rimpianto per una qualificazione che sembrava cosa fatta. I Gio Carioca possono festeggiare e con loro anche molte altre squadre che devono ringraziarli per aver estromesso già ai gironi due delle più serie pretendenti al titolo. Bafana Bafana che hanno forse preso il match sottogamba e, complice il risultato della partita precedente, chiudono terzi, ma con una situazione cartellini davvero pesante e pertanto virtualmente eliminati.

Anonimo
07.07.18

Ratti Paoli - Subo = 4 - 1

RATTI PAOLI
1 - Faccin Filippo
1 - Faccin Tommaso
2 - Pastore Nicolò

SUBO
1 - Zulian Giovanni

Partita da dentro o fuori per i Subo, costretti a vincere per proseguire la loro avventura nel torneo; gli avversari però si chiamano Ratti Pauli, clienti difficili, e fin dalle prime battute si capisce che sarà un match che riserverà scintille. Dopo una fase iniziale di studio, in cui le due squadre partono entrambe con il freno a mano tirato, sono i Subo a sbloccarla grazie a una conclusione giunta al termine di un'azione di sfondamento. Il vantaggio carica i gialloneri, che vanno vicini al raddoppio, ma i Ratti Pauli dal canto loro non stanno certo a guardare e anch'essi si fanno vedere spesso nei pressi del palo avversario:dopo aver trovato il pareggio, i "roditori" sono bravi a sfruttare un'errore in disimpegno degli annebbiati subo per affondare il colpo del vantaggio. I gialloneri, con un piede fuori dal torneo all'intervallo, rientrano più grintosi e sfiorano il palo del 2-2 in più circostanze; nonstante questo però si percepisce che qualche meccanismo non funziona, infatti molte azioni offensive sono frutto di iniziative personali e la collaborazione è assente, forse anche perchè le condizioni mentali non sono delle più serene. I Ratti Pauli sembrano leggere nelle menti avversarie e, da grande squadra, sfruttano al massimo le loro debolezze giocando semplice e trovando due pali che fissano il risultato sul 4-1.il girone di ferro miete la sua prima vittima illustre: i Subo salutano un torneo dove speravano di ritagliarsi un ruolo da protagonisti, ma le lacune mentali mostrate per tutto l'arco della competizione insieme a una rosa sempre corta sono state fatali. Ratti Pauli che si assicurano il primo posto e si confermano come squadra da battere, potendo fregiarsi di avere avuto la meglio su due delle compagini che sulla carta erano in corsa per la vittoria finale.

SCAINARI
1 - Borella Giulio
3 - Galeazzo Andrea

BOIA L'ORSO
1 - Comelli Alessandro
2 - Moretti Daniele
1 - Sannito Sebastiano
1 - Spadone Alessandro

AREA 51
----

CHIU' PALO PER TUTTI
1 - Baldina Gianluca
3 - Grattarola Luca
1 - Moccellin Sandro
1 - Paccagnella Matteo II
2 - Roman Andrea
5 - Schiavon Stefano

Basterebbe il solo tabellino a raccontare l'andamento di questo match che inaugura il turno finale del girone B: I Chiù Palo si sbarazzano dei modesti avversari che abbandonano anzitempo la loro esperienza nel torneo chiudendo con uno 0 alla voce punti in classifica. Il fortino azzurro nel primo tempo resiste più del previsto ma una volta violato, l'invasione non si ferma più: 6-0 il punteggio all'intervallo.
Ripresa di pura accademia da parte dei voltabarozzini, che vanno a segno per altre sette volte e chiudono sul clamoroso risultato di 13-0 importante per la differenza pali, criterio che potrebbe risultare determinante nel decretare le due migliori prime alla fine della fase a gironi. Nota a margine per un bellissimo palo di "rabona" dal limite da parte del numero 8 dei Chiù Palo che entra di diritto in lizza per il palo dell'anno.

PALOBELLI
2 - Bortolami Francesco
1 - Rizzi Alessandro

PITTI-PALO
1 - D'Attino Davide
4 - Kreko Egi

La “A” del girone sta per anziani, ma un qualsiasi neofita che avesse assistito a questa partita non lo avrebbe pensato di certo: Palobelli e Pitti-Palo mettono in scena un match dalle mille emozioni, terminato sul 5-3 in favore degli organizzatori. Primo tempo chiuso avanti sul 4-1 (con alle spalle anche un rigore fallito) grazie a una tripletta dell'eterno Egi e la partita sembra già in archivio, se non fosse per la garra dei Palobelli che nella seconda frazione provano in ogni modo a ribaltare le sorti dell'incontro, fallendo però nell'intento e creando solo qualche grattacapo alla difesa avversaria. I due tiri franchi concessi (e falliti) ai Pitti-Palo dimostrano come ormai i livelli di agonismo siano alti anche nel girone che per antonomasia dovrebbe essere più tranquillo; Pitti-Palo che agganciano dunque proprio i Palobelli e dovranno attender entrambe l'esito dell'altro match del girone per conoscere il proprio futuro.

LEMME LEMME P.
2 - Corvetti Claudio
1 - Tombola Filippo

MERCI IVA DEBITO
1 - Naccarato Filippo

Le due facce della stessa medaglia: Lemme Lemme P. fatica e non poco ad avere la meglio sui giovani avversari, e si stenta a credere che in campo sia scesa la stessa squadra che non più di tre giorni fa aveva annichilito i finalisti del 2015 dominando in lungo e in largo. I Merci Iva Debito impostano la partita sul pressing e ripartenze, e la tattica sembra funzionare: i "pellegrini" non riescono ad esprimere il loro gioco, gli avversari gli mordono le caviglie e chiudono ogni linea di passaggio, oltre a farsi valere fisicamente negli uno contro uno e in velocità. I Lemme Lemme costruiscono poco, e quel poco viene dilapidato anche quando si tratta di comode occasioni, mentre gli avversari si rendono pericolosi in contropiede. Per sbloccare una partita del genere serve il colpo del campione, e il campione risponde: l 1-0 porta la firma di Claudio Corvetti, uno che di palo ne sa qualcosina, e toglie un grosso peso dallo stomaco a tutta la squadra, che finalmente inizia a girare e mettere alle corde i giovani avversari; prima del fischio arriva anche il 2-0 che permette ai "pellegrini" di andare a riposo più tranquilli. In avvio di ripresa Lemme Lemme cala il tris con una bella conclusione a giro da metà campo, e improvvisamente smette di giocare: i "flemmatci" infatti lasciano campo alle iniziative dei Merci Iva Debito, che occasione dopo occasione affinano sempre di più la loro mira. La logica conseguenza è il palo del 3-1 che mette non poco in apprensione gli esperti avversari, i quali iniziano a cadere in errori marchiani, non riescono a gestire bene la palla e rischiano fino al fischio finale. Lemme Lemme vince ma non convince, alcune leziosità e preziosismi inutili non eclissano le grandi qualità individuali che permettono loro di portare a casa i tre punti ipotecando il passaggio del turno. Stasera devono anche ringraziare la mira acerba dei Merci Iva Debito, che escono a testa alta e possono ancora sperare in una qualificazione dura ma non impossibile.

ASTON BIRRA
1 - Morandin Elia
2 - Villani Gennaro

SVINCOLATI
2 - Bison Nicola
1 - Ceroni Leonardo
2 - Curci Andrea
2 - Lana Alessandro
1 - Lana Andrea

Succede di tutto nella partita delle 21:00 tra gli Svincolati e l'Aston Birra: prima frazione davvero rocambolesca che termina sul 4-2 in favore dei “senza squadra” ,risultato frutto anche di 3(!) autopali e un rigore molto ingenuo fischiato ai danni dell'Aston Birra e trasformato senza pietà dagli avversari. Nel secondo tempo il pallino del gioco rimane degli Svincolati, con gli avversari che tentano una flebile reazione ma non sono ne precisi ne fortunati; si capisce che non è serata quando Rasi assegna un secondo rigore, se possibile ancora più ingenuo del precedente, per una fallo di mano onestamente non degno di essere visto in un torneo del genere, che porta i "senza squadra" sul 5-2 e chiude virtualmente il match. I giovani viola nonstante tutto non si vogliono arrendere alle avversità e siglano il palo del 5-3, ma resta un evento isolato, e vengono puniti severamente dagli avversari che segnano ben 3 pali nei minuti conclusivi. Finisce 8-3, altra brutta sconfitta per i ragazzi dell'Aston Birra, che pagano dazio a causa dell'inesperienza, ma le basi per migliorare ci sono tutte; Svincolati che portano a casa 3 punti d'oro e si candidano seriamente a passare il turno.

A.D.G. OLDEWICK
2 - Alfieri Walter
2 - Assenzio Cosimo
1 - Carraro Andrea
1 - Meggio Roberto

MEZZE PINTE
1 - Battifoglia Alessio
1 - Schiavon Dario

Prova di forza degli Oldewick, che dopo la scoppola subita dai Lemme Lemme lo scorso turno rialzano la testa contro delle Mezze Pinte poco convincenti. Dopo una fase iniziale in cui regna l'equilibrio, sono gli proprio Oldewick a colpire, trovando in sequenza prima il vantaggio e poi il raddoppio; le Mezze Pinte provano a riaprirla ma risultano inefficaci in zona palo e gli avversari amministrano il doppio vantaggio fino all'intervallo trovando anche il 3-0 dopo una bella azione corale. La ripresa si apre con il palo del 3-1 che rimette in discussione il match e infonde nuova fiducia nelle Mezze Pinte, che attaccano a testa bassa alla ricerca del pareggio; dopo poco però gli Oldewick riguadagnano campo e si portano prima sul 4-1 e poi sul 5-2 dopo che gli avversari avevano precedentemente accorciato. Nel finale dopo una marea di occasioni da ambo le parti arriva il palo che fissa la partita sul 6-2; le Mezze Piinte avrebbero l'occasione di chiudere con un passivo meno pesante ma falliscono il tiro franco allo scadere. Vittoria fondamentale per gli Oldewick che agganciano a quota 3 punti proprio i loro diretti avversari, mai arrendevoli ma poco concreti, che dovranno cercare il colpaccio nel prossimo turno per non compromettere la qualificazione.

COLPITI DA MCKINLEY
1 - Baldo Roberto
1 - Cesaro Dario
2 - Gusso Davide

TITOHUNGA
2 - Andreon Alessandro
4 - Bellucco Carlo
1 - Ceniccola Matteo
1 - Rizzi Marco
2 - Volpato Riccardo

Partita a senso unico quella tra Colpiti da Mckinley e Titohunga. La differenza la fa la corsa e il maggior tasso tecnico degli “stregoni” che hanno un passo decisamente superiore agli avversari. Il primo tempo si conclude con un netto 1-6 . Secondo tempo che riparte sulla falsariga del primo, con i Titohunga che riescono e prendere il palo da qualsiasi posizione, mentre i “fantozziani” pur provandoci non lo inquadrano quasi mai. Partita che finisce 8 minuti prima causa pioggia e che quindi decreta vincitori i Titohunga per 4-10. Titohunga che avanzano al turno successivo con una giornata di anticipo, mentre i Mckinley dovranno giocarsela all’ultima per il passaggio del turno in una partita non semplice.

SENPRE 'MBRIAGHI SPOLPI
1 - Demiraj Erald
1 - Paluello Nicola

PATATINAIKOS
1 - Bettio Davide
3 - Vedovato Giovanni
1 - Zoppini Gianluca

ATLETICO PERNIENTE
3 - Belloni Andrea
2 - Brunoro Roberto
1 - Naso Giovanni
1 - Pizzo Thomas
1 - Tuzio Giuseppe

SNIPERS
1 - Hien Joel
3 - Sardella Guglielmo
1 - Vendramin Enrico

Quello tra Atletico Perniente e Snipers può ormai definirsi un “clasico” della storia recente del palo. Le due squadre infatti hanno iniziato la loro carriera palistica nello stesso anno e si sono scontrate ad ogni edizione successiva regalando sempre partite avvincenti e combattute. Forse per questo l’inizio di gara è una sorta di fase di studio dell’avversario con ritmi bassi e conclusioni imprecise. Il cielo minaccioso non aiuta i giocatori che con un occhio mirano al palo ma con l’altro scrutano la situazione meteorologica che non tarda ad evolvere in pioggia subito dopo il palo del vantaggio degli Snipers. La partita viene momentaneamente sospesa e tutto fa pensare ad un’interruzione dell’intera giornata, tant’è che le squadre si concedono birre e panini al BarH, ma il tempo è clemente e dopo una rapida spazzata di campo si può riprendere a giocare. La partita è equilibrata e tesa, i Perniente recuperano lo svantaggio e provano a dilagare ma i cecchini non si fanno sorprendere e riescono a riprendere la partita ad ogni tentativo di allungo degli avversari. Nella seconda frazione il colpo del ko morale arriva dopo un palo arrivato in modo un po’fortunoso ma che racchiude tutta l’essenza di questo gioco: su una palla che pareva ormai battezzata in rimessa laterale un gesto atletico (che stona con il nome della squadra capitanata dal sodalizio Brunoro-Tuzio) viene rimessa in gioco e va a stamparsi sul palo. Gli Snipers provano a recuperare ma non c’è più tempo. La matematica non condanna ancora la squadra di Fungenzi, anche per la conta sfavorevole dei cartellini degli avversari, che nel prossimo turno dovrà assolutamente vincere e sperare nella contemporanea dipartita degli SMS.

2 4 5 6 7 8 9 10 11 ... 37

Tabellini con formazioni, marcatori e un breve commento per ogni partita del torneo

Cerca

Novembre 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
powered by b2evolution